Nome comune: Bearberry, Foxberry e Kinnikinic
Genere: Arctostaphylos
Specie: uva-ursi
Parti usate:

Bearberry è un sempreverde a crescita bassa. Ha un fusto che si erge a 2-8″ da terra ed è coperto da una spessa corteccia e da sottili peli setosi. Sul fusto ci sono molte foglie ovali e coriacee che sono lunghe da 1″ a 1″. I fiori hanno cinque petali e sono rosa pallido o bianchi. I petali sono lunghi solo _” e sono arricciati intorno al centro stretto. Fioriscono tra marzo e giugno. Il frutto è una bacca rossa di 3/8″ di diametro. Bearberry prende il suo nome perché gli orsi amano banchettare con queste bacche.

Bearberry si trova comunemente in terreni secchi, non nutrienti come la sabbia, terreni su affioramenti rocciosi e terreni poco profondi. Questa pianta spazia dal nord della California all’Alaska, ad est dall’Oregon e Washington fino alle montagne del Montana occidentale, e da lì, a sud fino al Nuovo Messico. Altre aree del mondo includono la Groenlandia, l’Islanda e l’Eurasia settentrionale. L’uva ursina è abbondante in natura.

Siccome l’uva ursina è una pianta a crescita bassa può stare fuori dal vento freddo. I suoi peli fini e setosi aiutano anche a mantenerla calda. Le foglie coriacee sono anche un adattamento al freddo della tundra.

Bearberry è una pianta molto utile. Tutte le sue parti possono essere utilizzate in qualche modo. Il frutto può essere mangiato e cucinato con altri cibi. Le radici possono essere trasformate in un tè che può trattare una tosse costante o rallentare il sanguinamento mestruale. Un tè dal gambo è usato per prevenire l’aborto e per accelerare il recupero di una donna dopo il parto. Le foglie possono essere aggiunte al tabacco o usate come suo sostituto. Un tè fatto con le foglie può essere bevuto per trattare problemi ai reni o alla vescica.

Ben P. 2001

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *