Di recente, i dolcificanti non nutritivi che possono sostituire il saccarosio (ad alto contenuto calorico) hanno aumentato la prevalenza di bambini e adulti sovrappeso. I dolcificanti non calorici o a basso contenuto calorico come strumenti per fare scelte alimentari salutari sono stati introdotti per soddisfare la domanda dei consumatori. Lo scopo di questo studio era di valutare l’effetto del dolcificante stevia come sostituto del saccarosio a diverse dosi (25, 250, 500 e 1000 mg/kg b. wt/giorno) per dodici settimane sulla gestione del peso e su diversi parametri ematologici e biochimici di ratti femmina. I risultati hanno mostrato un miglioramento significativo e una riduzione migliorata del peso corporeo finale, del guadagno di peso corporeo (%) (BWG) e del rapporto di efficienza alimentare (FER) nei gruppi con dolcificante di stevia rispetto al controllo. Il dolcificante Stevia a 500 mg/kg b. wt/giorno aiuta nella perdita di peso dei ratti, nella diminuzione del colesterolo totale, dei trigliceridi e della concentrazione di lipoproteine a bassa densità, nell’aumento delle lipoproteine ad alta densità e in nessuna differenza significativa nei livelli medi di alanina transaminasi (ALT), aspartato transaminasi (AST), fosfatasi alcalina (ALP) o fosfatasi acida (ACP) del siero rispetto ai ratti di controllo, che possono essere considerati come terapeuticamente benefici. Inoltre, questa dose può essere considerata come una dose sicura per le persone con diabete, specialmente per i molti individui che hanno bisogno di perdere peso per aiutare a controllare i loro livelli di glucosio nel sangue.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *