John Harrison nacque a Foulby, un villaggio nella tenuta del Nostell Priory vicino a Wakefield. Seguì il padre nel commercio di falegnameria e nella sua adolescenza si interessò alla costruzione di orologi. Ma fu la sua ossessione, che durò tutta la vita, di sviluppare il cronometro marino per determinare la longitudine e aiutare la navigazione sui mari, che lo rese famoso.

John Harrison

Il premio per la longitudine

I naufragi causati da errori di navigazione erano comuni e il Longitude Act del 1714 istituì un comitato noto come Board of Longitude che offriva una ricompensa fino a 20.000 sterline a chiunque fosse riuscito a risolvere il problema.

Harrison era convinto di poterlo fare e l’opportunità di reclamare il premio lo spinse ad andare avanti.

Grande accuratezza richiesta

Invece di usare i principi generalmente accettati di misurazione del tempo, Harrison aveva ideato i suoi metodi e progettato due orologi che erano precisi entro un secondo al mese. Molti credevano che un’abilità matematica fosse essenziale per fare un buon orologio, ma come molti inventori di successo Harrison fu in grado di guardare il problema da una prospettiva molto diversa, portando nuove idee.

L’attrito, i cambiamenti di temperatura e l’umidità erano tutti fattori che potevano influenzare la precisione e la tenuta del tempo. Oltre a questo, il rollio di una nave aveva la tendenza a rendere la strumentazione impraticabile. Rendendosi conto che un orologio marino non poteva essere efficace se fatto solo di legno, iniziò a combinare diversi metalli.

Cronometro marino

Nel 1735 completò il primo cronometro marino pratico. Usando il cronometro per tenere il tempo preciso da un luogo noto – come il luogo in cui la nave salpa – e confrontandolo con l’ora del giorno in cui la nave si trovava, divenne possibile un posizionamento preciso. Costruito principalmente in ottone, il cronometro pesava oltre 70 libbre.

Il cronometro di John Harrison

L’ossessione di Harrison

Il Board of Longitude inviò del denaro a Harrison per lavorare su un orologio più piccolo. Harrison era ossessionato dal suo compito. Non era mai soddisfatto e trovava costantemente difetti in quello che aveva fatto. Fece diverse versioni del suo cronometro investendo tempo e denaro, il che mise a dura prova la sua famiglia. Alla fine fu concordato che dovesse essere pagato 8.750 sterline per il suo lavoro nel 1773. Harrison morì poco dopo nel 1776.

Orologio di John Harrison

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *