Associato all’ambiente della barriera corallina, lo squalo pinna bianca si trova in tutto l’Oceano Indiano e Pacifico. Nelle isole Hawaii, può essere osservato riposare in grotte o sotto le sporgenze per un lungo periodo. È l’unico squalo nelle acque hawaiane che ha la capacità di smettere di nuotare e può riposare per lunghi periodi alla volta, rendendolo più comunemente osservato dai subacquei. Questi squali hanno una colorazione grigia con una testa leggermente piatta, con distinte punte bianche sulla parte superiore della prima e della seconda pinna dorsale e della coda.

Gli squali pinna bianca di barriera sono attivi predatori notturni con una dieta che comprende pesci ossei, crostacei e polpi. Con un periodo di gestazione di circa 12 mesi, le dimensioni più piccole includono ovunque da uno a cinque cuccioli. Alla nascita, i cuccioli misurano 1,7-19 piedi di lunghezza e otterranno una lunghezza massima di 5,6 piedi da adulti. Occasionalmente, un pinna bianca potrebbe avvicinarsi a un subacqueo per curiosità, ma non è considerato pericoloso per gli esseri umani.

Le specie di elasmobranchi, che includono squali, razze e razze hanno la capacità di rilevare i segnali elettromagnetici provenienti dai movimenti muscolari di altri organismi. Una concentrazione di pori vicino alle narici, intorno alla testa e sulla parte inferiore del muso chiamata ampolle di Lorenzini rileva il segnale elettrico emesso da organismi viventi. Quando la luce è scarsa in acque torbide o in profondità e la visione è compromessa, questo sesto senso è utile per localizzare le prede. In alcune specie, l’elettrorecezione è usata anche come bussola durante la migrazione.

Nelle Hawaii, gli squali erano venerati, curati e protetti come ‘aumakua, o divinità familiare, mentre altri consideravano gli squali come un’importante fonte di cibo e strumenti. Coloro che avevano lo squalo come loro ‘aumakua non cacciavano o mangiavano lo squalo. Credevano che i loro antenati defunti avessero preso la forma di uno squalo, quindi avrebbero nutrito e protetto lo squalo e in cambio lo squalo avrebbe protetto la famiglia. Le storie di squali sono molto frequenti nella letteratura hawaiana e sono una lettura affascinante. Come consulente culturale del Maui Ocean Center, Kahu Dane Maxwell benedice ogni squalo che entra o esce dal parco.

*A causa della costante rotazione degli animali nell’oceano, la presenza di qualsiasi animale specifico non può essere garantita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *